Lezioni di arti marziali per i Non Udenti


Il Maestro Scolaro è un interprete del LIS (Lingua dei segni italiana), lingua adoperata dai Non Udenti / Sordomuti.

Sensei Scolaro: «Ho notato nel mio lavoro di interprete e nelle mie relazioni con questa comunità, che molti giovani non udenti escludono la possibilità di praticare arti marziali, poiché ci sono problemi di comunicazione che al massimo li portano magari a provare per poi mollare presto a causa di un dissiparsi dell’interesse vista la scarsa comunicazione e comprensione. Perché non sfruttare la mia conoscenza del loro linguaggio per far si di dare anche a loro il modo di conoscere tale cultura e avvicinarli al mondo orientale? Ampliare la propria cultura e conoscenza è un diritto di tutti, e aiutare chi ha difficoltà nel farlo è un dovere di chi ha la capacità di poterli aiutare.»

Molte di queste persone, nonostante attratte da questo tipo di disciplina, non possono fare arti marziali poiché non ci sono codificazioni dedicate al loro tipo di linguaggio. Il massimo che possono fare è adeguarsi ad un corso insieme ad udenti e cercare di fare del loro meglio per comprendere il Maestro e ciò che gli viene insegnato, ovviamente con parecchia difficoltà e risultati non eccellenti. Infatti, per questo non esistono corsi dedicati a loro o eccellenti atleti marziali tra i non udenti non essendoci Maestri di Arti marziali in grado di farlo o addirittura, osiamo anche dire “Non interessati a questo tipo di sezione”.

Il Ninjutsu Kojiki è munito anche di una sezione dedicata ai non udenti, al fine di creare ottimi atleti marziali anche nella loro comunità e far crescere nei giovani non udenti la passione per un’arte marziale ampliando la loro cultura.